Esce la versione 16.9 di Edisto

Scritto il 15/12/2016 In Blog Categorie: home
new_version

A due mesi di distanza dalla 16.8 esce la nuova versione 16.9 di Edisto. Le novità sono tante come al solito, ma la più importante è sicuramente il supporto per il multilanguage. In pratica adesso è possibile gestire siti in più lingue. Per attivarle bisogna andare in configurazione e aggiungere le lingue che si vuole (La configurazione non è accessibile dalle versioni demo). 

Una volta attivate le lingue appare un menu in alto a destra per ogni modulo così da poter tradurre il contenuto. E' possibile scegliere anche per quali lingue si vuole visualizzare il modulo o cambiarne le impostazioni (ad esempio per i menu).

lang2

Le pagine hanno ora una lingua di default e possono essere associate tra loro così da poter avere le classiche bandierine per ogni lingua in cui è tradotta la pagina.

Gli articoli come le pagine vengono associati tra loro per le varie lingue, mentre in amministrazione è possibile raggruppare gli articoli per una lingua e vedere quali sono le traduzioni attive. 

article1

Dal punto di vista dell'ottimizzazione sono state apportate tutte le modifiche necessarie, nell'html viene dichiarata la lingua attiva e i link delle traduzioni così da informare i motori di ricerca di com'è la struttura del sito, e gli url sono tutti modificabili per ogni traduzione. 

Altre novita: è stata aggiunta la possibilità di inserire moduli con il drag&drop, e sono state nascoste le posizioni che non hanno moduli così da rendere più simile la pagina di modifica con la versione effettivamente online. Questo permette di avere una maggiore somiglianza tra gli stili grafici che si stanno modificando e il risultato che si avrà nel sito effettivo. 

Per ultimo stiamo continuando la lavorazione della gestione utenti (anche questa non visibile nelle demo). Il sistema dispone di un sistema di gestione utenti e permessi estremamente potente e flessibile a supporto dei progetti editoriali più avanzati. E' possibile far iscrivere gli utenti e dargli permessi speciali (anche per periodi limitati) e decidere se possono accedere a sezioni 'private' del sito. 

Per ultimo abbiamo corretto tutti i bug fino ad ora segnalati.